Tanti Auguri nonna Cleofe, 90 anni e non sentirli: a Barbine nel Vanoi è un punto di riferimento per la comunità

Share Button

Cleofe Rattin, nata il 23 aprile 1928, è la più giovane di sei fratelli avuti dalla famiglia detta «dei Fassani»…una storia di sacrifici e piccole grandi soddisfazioni quotidiane

La festa per i 90 anni di Cleofe a Barbine, con le nuove generazioni

di Zaira Venzo

Cara Cleofe, 

probabilmente ti starai chiedendo che hai fatto di tanto grave per essere finita sul giornale! Senza tante congetture, siamo certi che tu sia già lì a brontolare e a dire che qualcuno di noi avrebbe di meglio da fare; ma converrai anche tu, che 90 anni non sono bruscolini.

Un traguardo che non tutti possono tagliare, se poi aggiungiamo che lo hai raggiunto con spirito e tenacia da vendere, capirai che la tua non è una storia da tenere nascosta dentro le mura della tua casetta alle Barbine!

Ma andiamo con ordine…

Rattin Cleofe, nata il 23 aprile 1928, è la più giovane di sei fratelli avuti dalla famiglia detta «dei Fassani».

Cresciuta come tutte le ragazze del suo tempo, si è dimostrata una donna forte, coraggiosa e per nulla impaurita dal suo destino, che la provò duramente con la prematura morte per silicosi del marito Angelo «Madonaro» e, conseguentemente, con l’arduo compito di crescere da sola ben quattro figli.

Mai un lamento, mai un rammarico: Cleofe, per tutta la vita si è dedicata ai figli e non ha mai fatto mancare le sue amorevoli attenzioni di nonna ai nipoti e ai pronipoti poi.

Con grande forza di spirito e sacrificio, ha lavorato alacremente la terra fino a poco tempo fa (impossibile non averla vista d’estate ai bordi delle strade con la sua mitica falce!); ora, visto che gli attrezzi da lavoro sono stati appesi al chiodo, si tiene in forma confezionando maglioni e calze di lana per tutti i familiari.

E’ sempre aggiornata sul tempo e sulle vicende politiche del Bel Paese; immancabile poi la lettura del giornale diocesano e la cura dell’orto e delle sue galline!

Sempre testarda e perseverante nelle sue decisioni, non si è mai arresa al tempo che passava, nemmeno quando una caduta accidentale l’ha costretta per più di sei mesi ad una sosta forzata. Forse lei replicherebbe che queste sono cose normali che accadono a chi non ha più venti anni e che, comunque, va tutto bene finché queste disavventure si possono raccontare a qualcuno…

Beh, Cleofe, che dire di più?

Stimata da tutti, sei perla preziosa e faro per gli abitanti delle Barbine. Sei tappa obbligata di molte persone del posto, a chiunque viene a trovarti non manca mai una buona tazza di caffè o un bicchiere di vino bianco.

Cara mamma, amata nonna e bisnonna, speriamo che la nostra intraprendenza, ti abbia fatto capire tutto il bene che ti vogliamo… E prima che tu ci dica qualcosa in merito, o peggio, ci mandi a quel paese, ti facciamo tanti affettuosi auguri di buon compleanno. Sereni 90 anni!

Figli, nipoti e pronipoti tutti

 

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.