Soccorso alpino trentino, Mabboni nuovo presidente richiama all’unità

Share Button

Unico candidato, Mauro Mabboni, è stato proposto unitariamente dal nuovo consiglio direttivo; guida alpina, tecnico di elisoccorso, istruttore nazionale del Soccorso Alpino e già delegato di zona del Basso Trentino, Mabboni è stato eletto nella prima votazione

Trento – Si è svolta nella serata di martedì 12 febbraio 2019 l’Assemblea Ordinaria dei Capostazione e Vicecapostazione del Soccorso Alpino – Servizio Provinciale Trentino. Due i punti più importanti all’ordine del giorno: l’approvazione del Rendiconto consuntivo dell’esercizio 2018 e l’elezione del nuovo Presidente che rimarrà in carica per tre anni.

I lavori si sono aperti con un messaggio inviato dal Presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti: “Colgo questa occasione per ribadire quanto la nostra comunità consideri importante il servizio che ognuno di voi presta all’interno del nostro sistema della Protezione Civile; sistema che ha raggiunto la considerazione di cui gode oggi grazie soprattutto all’apporto di professionalità ad alta specializzazione come la vostra. Nella consapevolezza che l’attrattività del nostro territorio si misura anche con il metro della sicurezza con cui si affrontano le ascensioni in quota, potendo contare sulla vostra presenza e competenza”. È seguito il saluto del Presidente uscente Adriano Alimonta che si è congedato dall’Assemblea con un augurio per il futuro: che si riesca a trovare la coesione affinché il nuovo Presidente e il nuovo Consiglio Direttivo possano lavorare in un clima sereno e costruttivo.

Il nuovo presidente

Unico candidato, Mauro Mabboni, è stato proposto unitariamente dal nuovo consiglio direttivo; guida alpina, tecnico di elisoccorso, istruttore nazionale del Soccorso Alpino e già delegato di zona del Basso Trentino, Mabboni è stato eletto nella prima votazione. Il neo presidente ha ringraziato Adriano Alimonta e ha evidenziato l’importanza del lavoro di squadra.

“Da Presidente vorrei impostare un lavoro di squadra – ha dichiarato Mabboni fresco di elezione – per superare i dissapori interni all’organizzazione in modo che si torni a parlare di Soccorso Alpino esclusivamente per il suo impegno sul campo nel soccorso in montagna e nella prevenzione degli incidenti su terreno impervio. Dobbiamo ritrovare l’armonia e il dialogo per il bene di tutta l’Organizzazione e lo possiamo fare soltanto lavorando tutti insieme verso un’unica direzione. Aggiungo un ringraziamento ad Adriano Alimonta per tutto ciò che ha fatto per il Soccorso alpino del Trentino, sempre con dedizione e passione”.

Nel corso dell’assemblea anche la nomina di tre soci emeriti: si tratta di Rosario Fichera, dal 2006 socio della stazione di Fai della Paganella e responsabile del coordinamento comunicazione; Ameriga Zambaldi, socia dal 1991 e già capostazione della Bassa Valsugana; Gianbattista Calenzani, socio dal 1973 della stazione Centro Fassa.

 

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.