Incendio Mezzano, ecco che cosa resta della stalla dopo il furioso rogo: accertamenti in corso sull’origine delle fiamme

Share Button

Autocombustione del fieno o cortocircuito di un neon tra le ipotesi del rogo. I Vigili del fuoco hanno lavorato fino alle 3.30 di notte per domare completamente l’incendio in località “Le Gune” a Molaren, Mezzano

La struttura di Mezzano dopo il tragico incendio in località “Le Gune” a Mezzano

Mezzano (Trento) – Vigili del fuoco al lavoro per tutta la notte per mettere in sicurezza l’area interessata dall’incendio che ha distrutto stalla e fienile di proprietà della famiglia di Bruno Orsega a Mezzano nel Primiero che gestisce anche l’agritur malga Lozen.

Oltre 60 i Vigili del fuoco impegnati per molte ore, da Mezzano, Imèr e Primiero. Grande solidarietà da parte degli allevatori della valle, che subito si sono prodigati per aiutare e ospitare nelle stalle vicine, gli animali liberati appena in tempo.

I proprietari della stalla stavano mungendo alcune mucche quando improvvisamente si sono accorti che una balla di fieno stava andando a fuoco. In pochi minuti hanno liberato gli animali e salvato il possibile.

Sopralluoghi dei Vigili del fuoco con Carabinieri e assicurazione

Lunedì mattina sul posto erano presenti i titolari dell’azienda, alcuni Vigili del fuoco e i referenti locali dell’assicurazione. In giornata da Trento è arrivato anche l’ufficiale di turno per le verifiche tecniche.

Sul posto è arrivata per sincerarsi della situazione anche l’assessore provinciale Giulia Zanotelli che ha espresso la vicinanza della Provincia alla famiglia di allevatori duramente colpita.

Lunedì in tarda mattinata, i Vigili del fuoco stavano ancora lavorando per bonificare le balle di fieno all’esterno della struttura, con il supporto di un escavatore.

Grande solidarietà da parte di tutto il paese alla famiglia Orsega che ora spera di potersi riprendere al più presto. L’incendio ha completamente devastato il fienile nella parte superiore della struttura, mentre dovrebbe essere stata salvata dal rogo la stalla, nella parte inferiore della struttura.

Il giorno dopo

L’intervista al comandante VVF, Luigi Orler

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.