Bolzano dice “Nein” alle Olimpiadi 2026, governatore Kompatscher: impossibili Giochi ad impatto zero

Share Button

La Provincia di Bolzano dice no alla proposta avanzata dal governatore Veneto Luca Zaia per una candidatura delle Dolomiti per le Olimpiadi invernali del 2026

I governatori Zaia, Rossi e Kompatscher

 

Bolzano – Dopo la presa di posizione del governatore trentino, Ugo Rossi, anche il collega altoatesino Arno Kompatscher placa l’entusiasmo del presidenbte veneto Luca Zaia, sui Giochi olimpici 2026

“Allo stato attuale sono impossibili Giochi ad impatto zero”, ha commentato il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher.  Kompatscher ha rivolto un appello al Comitato olimpico internazionale “di rivedere i criteri per i Giochi olimpici, altrimenti non si troveranno più località in Europa disposte ad ospitarli”.

“Se non cambiano le regole, non siamo interessati a questo progetto – ha precisato il governatore altoatesino – attualmente il Comitato olimpico internazionale prescrive la realizzazione di determinate strutture, dal villaggio olimpico al centro media, per cui non è possibile fare dei Giochi a impatto zero.

Qui da noi se n’è già discusso da tempo e la maggioranza della popolazione è scettica – aggiunge Kompatscher – le persone hanno visto come sono stati fatti i Giochi altrove e nessuno crede alla splendida possibilità della sostenibilità ambientale”.

Il servizio TGR

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.