Primo Piano Trentino Alto Adige Valsugana Tesino Primiero Vanoi Belluno Feltre Storia

Italia ed Europa nell’800? Ecco Google Maps ‘vintage’: ‘Progetto Mapire’ con carte dell’Impero Asburgico

Share Button

Mappe storiche che fanno rivivere e attraversare l’Italia e l’Europa come in una Google Maps dell’Ottocento

NordEst – A Roma, si possono riscoprire il Colosseo e il Viminale in periferia, mentre a Milano Porta Sempione e Brera, erano ‘poco popolose’.

Si può dare una sbirciatina con un occhio al passato anche a città come Parigi, Londra e Mosca. Il progetto si chiama ‘Mapire’ è stato lanciato nel 2014 e permette all’utente di navigare in tutta l’Europa attraverso le mappe storiche dell’impero asburgico rimodernate con le tecnologie più avanzate, tra cui Google Maps, Google Earth e OpenStreetMap.

Le mappe catastali sono state create in tutti i territori dell’Impero asburgico nel corso del Diciannovesimo secolo. E sono in continuo aggiornamento grazie ai fogli di mappa ungheresi e croati. C’è anche un motore di ricerca interno per individuare subito la città o l’area che si vuole esplorare con un occhio al passato.

Tra le funzioni utili anche la possibilità di comparare le mappe vecchie e nuove. “La versione corrente di Mapire – spiega il sito del progetto – contiene la prima indagine militare (1764-1784), così come la seconda indagine militare (1806-1869) e copre tutto l’impero asburgico. Questo contenuto d’archivio è unico e raro, per la risoluzione e la realizzazione artistica”.

Il progetto è il frutto della collaborazione delle istituzioni scientifiche di Austria, Ungheria e Croazia.

Share Button

One Reply to “Italia ed Europa nell’800? Ecco Google Maps ‘vintage’: ‘Progetto Mapire’ con carte dell’Impero Asburgico

  1. Salve, solo un puntiglio, le google maps non mi pare siano usate, e nemmeno nominate, ma spero di sbagliarmi, per sfondo viene usato OpenStreetMap oppure si può scegliere Here maps aerial, in sostanza l’immagine satellitare di Here.

    Per quanto riguarda google earth, se non ricordo male, si visualizza sul programma una volta scaricata la mappa versione digitale per poter essere usata a sua volta come sfondo.

    saluti, Simone Girardelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *