Whirpool Trento: Olivi chiede impegno concreto sui lavoratori

Share Button

Il secondo incontro con i vertici dell’azienda, la Confindustria e le organizzazioni sindacali

whirpool-trento

Trento – Il secondo incontro, voluto dalla Provincia, per continuare, con tutte le parti sociali e i vertici del gruppo Whirlpool, la valutazione del piano industriale e per mettere in campo le conseguenti azioni per tutelare i lavoratori e progettare il futuro dello stabilimento. All’incontro di oggi, nella sede di piazza Dante, insieme alla delegazione provinciale, ai rappresentanti di Confindustria e delle organizzazioni sindacali, era presente l’amministratore delegato della Whirlpool, Davide Castiglioni, al quale è stato chiesto di illustrare nei dettagli il piano industriale.

L’assessore provinciale all’industria, Alessandro Olivi, ha ribadito quali sono le irrinunciabili richieste della comunità all’azienda in questa delicata fase.

1. Un impegno concreto da parte della Whirlpool a programmare ed attuare un piano sociale di natura straordinaria per tutelare i posti di lavoro e il reddito degli occupati.

2. Garantire che l’utilizzo degli ammortizzatori sociali eviti qualsiasi licenziamento individuale da parte dell’azienda lungo tutta la durata delle misure che verranno approntate anche con il concorso attivo della stessa Provincia.

3. L’avvio immediato di una cooperazione tra Provincia e Whirlpool per individuare attività industriali provenienti dal gruppo, o integrative o sostitutive, per garantire continuità produttiva all’intero stabilimento di Spini di Gardolo. L’assessore Olivi ha ribadito che la Provincia non si accontenterà di un mero “indennizzo” ma chiederà alla Whirlpool un impegno “straordinario e verificabile nel tempo per recuperare in modo strutturale quel valore economico e sociale che l’annunciata chiusura rischia di far perdere al territorio”.

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.