Venezia pensa al “numero chiuso” per i turisti

Share Button

L’appello degli albergatori: “Fermare flusso turisti giornalieri”

Venezia – “Ribadiamo quanto detto in commissione in Comune: bisogna prima di tutto separare i flussi in entrata concedendo a chi vive, lavora e pernotta nelle strutture ricettive di Venezia di accedere liberamente alla città.

Va fermato il flusso dei turisti giornalieri. Dobbiamo, come più volte ribadito, intercettare le grandi masse di turisti a Mestre, portando i turisti a Venezia da zone diverse che non siano i soliti terminal ormai sempre più intasati”. Così all’Adnkronos Claudio Scarpa, direttore dell’Ava (Associazione Veneziana Albergatori) spiega la posizione dell’Associazione sulla questione del ticket d’ingresso e le prenotazioni online per accedere a Venezia.

“È evidente che, come previsto dai piani regolatori, tutti gli altri turisti pendolari dovranno essere fermati negli appositi spazi a Fusina e Tessera per poi monitorate le entrate e in alcuni periodi dell’anno richiediamo la prenotazione obbligatoria per accedere in città”, spiega.

Facebook Comments

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.