Primiero, i Carabinieri salvano una persona nel Cismon: è fuori pericolo

Share Button

Due militari dell’Arma portano in salvo una persona

carabinieri

Primiero (Trento) – Non si sarebbe trattato di un gesto disperato, anche se i risvolti del caso non sono del tutto chiari, ma di un incidente, quello che ha visto protagonista giovedì pomeriggio un uomo da poco prepensionato, finito nel fiume Cismon a Primiero e  salvato poi dai Carabinieri.

Il racconto della testimone

E’ successo giovedì pomeriggio:  ad accorgersi del fatto sono state due ragazze che raccontano: “La persona e’ stata da noi avvistata mentre con tranquillità si accingeva ad  attraversare il guado a piedi, ovviamente incurante della pericolosità della situazione, vista la quantità e la forza dell’acqua in quel punto.

Appena l’abbiamo avvistato – raccontano le testimoni – e’ riuscito a fare infatti solo pochi passi, dopodiché la forza dell’ acqua e la scivolosità del terreno l’hanno fatto ruzzolare via per un bel po’ di metri scendendo a tratti sott’acqua e sbattendo vistosamente su alcuni dei sassi che affiorano dal fiume. A quel punto per fortuna e’ riuscito a fermarsi in una di queste rocce tenendosi ben saldo anche se vistosamente sotto choc. Intanto, la ragazza che era con me stava già chiamando le forze dell’ordine intervenute scendendo nel guado e recuperando il povero uomo”.

I soccorsi

Subito è scattato infatti l’intervento degli uomini in servizio, sulla pista ciclabile che collega Imèr a Transacqua, all’altezza di Mezzano, dove la persona è finita in acqua, in località Sorrive. I due carabinieri sono scesi nelle gelide acque del torrente evitando un tragico epilogo.

I militari sono riusciti così a riportare sulla strada la persona ferita, soccorsa poi dal 118. La persona – ospite di una comunità locale – è stata recuperata e trasferita in ambulanza a Borgo Valsugana per le necessarie cure del caso.

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.