Dolomiti, dopo il no di Belluno è polemica ai piedi delle Pale per “Jeep Camp 2019” promosso da VisitTrentino: minoranze provinciali all’attacco

Share Button

Dopo il dibattito sul futuro di passo Rolle e il mancato progetto ‘La Sportiva’, in seguito alle polemiche per il concerto in quota di Moroder, ora a far discutere Primiero e il Trentino, è l’annunciato raduno di jeep ai piedi delle Pale, rilanciato da diversi siti nazionali – tra i quali Repubblica – già dal 18 aprile scorso. Minoranze all’attacco in consiglio provinciale e il vice presidente della Provincia, Mario Tonina si dice all’oscuro dell’iniziativa e chiede una linea su eventi in aree sensibili

Primiero San Martino di Castrozza (Trento) – “Si svolgerà a San Martino di Castrozza dal 12 al 14 luglio l”evento del Jeep Owners Group – si legge sul portale di VisitTrentino – un evento dedicato agli appassionati Jeep provenienti da tutta Europa”, che ha fatto però scatenare una nuova polemica locale e provinciale su ambiente ed eventi nel cuore delle Dolomiti.

Una tre giorni emozionante – spiega il portale del Trentino -, dove gli iscritti al Camp Jeep 2019 potranno testare l”intera gamma di SUV Jeep, mettere alla prova la propria Jeep nei chilometri dei percorsi off-road nell”area e accedere a tantissime attività quali concerti di musica live e animazione per i più piccoli. Nel cuore delle maestote Dolomiti sarà possibile vivere una nuova avventura in puro stile Jeep Jamboree, il più classico dei raduni a stelle e strisce. Protagonista indiscussa sarà la nuova Jeep Gladiator, un”anteprima europea che rende il Camp Jeep un appuntamento davvero imperdibile per tutti gli appassionati, che avranno anche l”opportunità di conoscere dal vivo anche un”altra importante novità: la JeepWrangler Rubicon1941 designed by Mopar. A breve saranno disponibili maggiori dettagli”.

Le polemiche

Sul fronte politico, mentre il vice presidente della Giunta provinciale Mario Tonina conferma: “Non sapevo nulla dell’evento”, dalle minoranze in Consiglio provinciale, sono già state depositate ben tre interrogazioni, come era accaduto per passo Rolle e per il concerto di dj Moroder sull’Alpe Tognola. Eccole di seguito:

Il dibattito sui giornali locali

(Le prime pagine dei quotidiani L’Adige e Trentino)

600 auto e campagna sui siti nazionali

Il Raduno internazionale di jeep che fa discutere in questi giorni il Trentino, è già stato pubblicato da più di dieci giorni su tutte le principali testate dedicate ai motori, ripreso anche da molte agenzie di stampa. Una vera e propria campagna di marketing e comunicazione nazionale che promuove il nuovo modello “Gladiator”, associandolo al camp di San Martino di Castrozza, tra le Dolomiti patrimonio Unesco.

“L’edizione 2019 del Camp Jeep – si legge sul sito ufficiale – l’evento più importante nell’ambito delle attività europee del Jeep Owners Group (JOG) e, in generale, degli appassionati di questo iconico marchio – si svolgerà San Martino di Castrozza in provincia di Trento dal 12 al 14 luglio. Per l’occasione FCA annuncia un’anteprima europea che renderà ancora più emozionante la sesta edizione del raduno monomarca, il debutto europeo della nuova Jeep Gladiator. Questo pick-up con le capacità off-road migliori di sempre, dopo il debutto mondiale a novembre 2018 in occasione del Salone di Los Angeles, sarà protagonista San Martino di Castrozza anche di personalizzazioni uniche firmate Mopar, il brand di FCA dedicato ai prodotti e servizi postvendita per tutti i veicoli del Gruppo. Una tre giorni dedicata al fuoristrada e alla gamma delle iconiche 4×4 americane, in cui gli iscritti al Camp 2019 potranno testare l’intera gamma di suv Jeep, mettere alla prova la propria Jeep nei chilometri di percorsi off-road a disposizione nell’area e accedere a tantissime attività quali concerti di musica dal vivo e animazioni per i più piccoli. Nel cuore delle maestose Dolomiti, sarà possibile vivere una nuova un’avventura in puro stile Jeep Jamboree, il più classico dei raduni a stelle e strisce, il cui format viene ripreso ogni anno per organizzare una trentina di questi eventi: dalla California fino al Maine, dall’Arizona fino al Tennessee”.

 

Dal 3 al 6 maggio a Levico Terme (TN) si raduneranno 200 spider provenienti da 18 Paesi europei. L’Euro Meet 2019 – questo il nome del meeting – celebrerà l’evento in grande stile: sono attese in Trentino ben 200 spider provenienti da 18 Paesi europei. 39 dal Regno Unito, 30 dalla Francia, 27 dall’Italia, 17 dalla Germania, 15 dal Belgio, 13 dal Portogallo, 13 dall’Olanda e poi ancora Austria, Polonia, Svezia, Grecia, Repubblica Ceca, Russia, Irlanda, Romania, Finlandia e Lussemburgo.Levico Terme sarà la naturale partenza verso sorprendenti percorsi turistici, che accarezzeranno le meravigliose scenografie offerte dai paesaggi mozzafiato del Trentino. In particolare sabato 4 maggio tutte le vetture saranno impegnate in un tour di circa 200 chilometri tra i passi del Trentino.

 

 

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.