A22 più sicura con traffico limitato: vertice congiunto per il futuro della viabilità di confine

Share Button

Superato il limite di veicoli sull’autostrada, accesso cadenzato

NordEst – Oltre a ribadire la necessità di politiche concrete per spostare il traffico pesante dalla strada alla rotaia, i rappresentanti dell’Euregio riuniti a Bolzano nel pomeriggio di venerdì hanno concordato un sistema di dosaggio del traffico per una maggiore sicurezza sull’autobrennero.

“Si pensa – ha detto il governatore Arno Kompatscher – ad un sistema che permetta di stabilire un limite massimo d’accesso ai veicoli sull’A22. Qualora questo limite venisse superato, scatterebbe un blocco all’accesso che consentirebbe di immettersi in autostrada in modo cadenzato, al ritmo di un veicolo ogni due minuti.

In tal caso non si formerebbero code e il traffico potrebbe scorrere, permettendo ai mezzi di soccorso di circolare. Il dosaggio dovrebbe avvenire già in pianura padana”, ha chiarito Kompatscher.

La vice-presidente del Tirolo Ingrid Felipe ha aggiunto che “l’infrastruttura ha raggiunto i propri limiti”. Il governatore Maurizio Fugatti ha ribadito la necessità di una maggiore collaborazione tra i soggetti coinvolti.

Fugatti: “Investire su terza corsia e più merci su rotaia”

“Sull’A22 dobbiamo fare la concessione a breve e ci stiamo lavorando. È necessaria per fare investimenti anche pensando ad una possibile terza corsia. Ma è importantissimo anche per lo spostamento del traffico pesante da gomma su rotaia. Sono d’accordo con quanto ha detto pochi giorni fa il presidente Kompatscher. Più merci spostiamo su rotaia meglio è”, ha ribadito il governatore del Trentino, Maurizio Fugatti, a proposito dell’Autobrennero.

“Serve anche – ha aggiunto Fugatti – un’interlocuzione con Tirolo e Austria. Sul ricorso presentato contro la delibera del Cipe so che ci sono altri soci che stanno valutando”.

  • In breve

Carabinieri: 2 arresti a Levico per detenzione abusiva armi. I carabinieri di Borgo Valsugana hanno arrestato una guardia giurata di 35 anni residente a Roncegno ed un suo conoscente, un operaio coetaneo residente nella zona di Marter. I due uomini sono stati fermati giovedì sera, attorno alle 23.

Salvini, fondi per videosorveglianza. Videosorveglianza, in arrivo 111.940 euro per la Provincia di Bolzano. Si tratta dei fondi dell’ultimo bando. “È solo un primo passo – si legge in una nota -, perché il governo ha già stanziato altri 90 milioni previsti dal decreto Sicurezza.

Lupi e orsi: Questura Trento, forze polizia in servizio. Sarà operativo dall’11 febbraio un servizio che coinvolgerà tutte le forze di polizia nazionali, oltre a quelle locali, il corpo forestale provinciale “per le note problematiche relative agli avvistamenti dei grandi carnivori a ridosso dei centri abitati”.

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.