Primo Piano Valsugana Tesino Primiero Vanoi Belluno

Primiero, via libera anche dalla Comunità alla nuova scuola media in zona Vallombrosa. Tempi lunghi per la galleria sullo Schenèr

Share Button

Dopo l’approvazione con qualche ‘mal di pancia’ (per l’aspetto estetico) dei consigli comunali di Imèr, Mezzano e Primiero, via libera anche dalla Comunità al progetto della nuova scuola che sarà appaltata nei prossimi mesi. Ma dal Consiglio della Comunità arriva anche la notizia di un ritardo per la galleria “Pala rossa” sullo Schenèr

Primiero (Trento) – Nonostante qualche ritardo tecnico, entro i prossimi mesi dovrebbe essere appaltata la nuova scuola media in zona Vallombrosa a Primiero. Si tratta di un’opera molto attesa da anni e necessaria per le carenze strutturali e fragilità sismica della struttura attuale.

La scuola media di Primiero, in zona Vallombrosa, con la vicina palestra come si presenta oggi. La scuola sarà demolita per realizzare il nuovo edificio in alto

Le ipotesi in campo

Due erano le possibili soluzioni progettuali in campo: la prima un adeguamento della struttura attuale con l’abbattimento di una parte di esso, adeguandolo a tutte le nuove normative energetiche e di sicurezza per un costo che si aggirava sui 3 milioni e 300 mila euro.

Seconda possibilità – che ha ottenuto l’approvazione dei sindaci del territorio – la demolizione totale del fabbricato esistente, con la ricostruzione di un nuovo volume, per una spesa di poco superiore (3,6 milioni) con finanziamento della Provincia.

Il progetto

E’ stato redatto dall’architetto Giacomo Longo e dagli ingegneri Alessandro Busana, Daniele Cappelletti e Lucia Pradel. Il progetto prevede una “struttura in legno di un edificio prefabbricato ad uso scolastico che si sviluppa su quattro piani per un’altezza massima di 14,76 metri e con copertura a quattro falde. Al fine di garantire la durabilità della struttura lignea, le pareti e i pilastri che danno verso l’esterno dell’edificio avranno una quota d’appoggio che deve essere almeno 10 cm superiore rispetto al pavimento finito esterno; per garantire questa quota d’appoggio saranno realizzati dei cordoli di sopraelevazione in cemento armato, oppure si utilizzeranno delle piastre metalliche nel caso di pilastri. La struttura in elevazione è realizzata in legno e acciaio”.

Il nuovo volume è generato a partire da un sedime compatto a base quadrata che si sviluppa regolarmente in altezza per tre piani fuori terra e si apre verso l’ambito stradale attraverso un ampio portico coperto al pianterreno. Il volume termina in sommità con una semplice copertura a padiglione composta da due falde principali più grandi e due falde secondarie più piccole che terminano a filo con le facciate. A piano terra un rivestimento ligneo definisce il “basamento” dell’edificio, mentre ai piani superiori le superfici intonacate si caratterizzano per la presenza di grandi nicchie ove sono collocate le vetrate per l’illuminazione degli ambienti interni.

Atrio e illuminazione

L’impianto distributivo interno all’edificio si impernia su un grande atrio centrale illuminato da un lucernario posto in copertura attorno al quale si dispongono a raggiera, secondo uno schema ripetuto regolarmente ai tre livelli, tutti gli ambienti scolastici. L’edificio è dotato di un livello interrato attraverso il quale è possibile raggiungere gli spogliatoi della vicina palestra.

Il via libera dalla Comunità e dai Comuni

Nell’ultima seduta del Consiglio della Comunità di Primiero, il progetto ha ottenuto il via libera definitivo – dopo i Consigli comunali – anche dalla Comunità di Primiero, con il solo voto contrario del consigliere Lino Zeni che l’ha definita un “bunker”, prospettando problematiche legate a possibili future infiltrazioni e a problemi di manutenzione tra pochi anni.

Sul progetto non sono mancati diversi distinguo sia dal Comune di Imèr che da Mezzano e Primiero, in particolare sull’aspetto estetico, ma anche sull’illuminazione interna delle aule stesse. Altri invece hanno espresso valutazioni positive per la sobrietà dell’opera.

 

Schenèr. Galleria Pala Rossa: tempi lunghi per l’opera. In merito alla strada SR 50 (Grappa – passo Rolle), durante l’ultimo Consiglio della Comunità di Primiero è stato comunicato dal Presidente dell’Ente, il passaggio di competenza del tratto di viabilità, da Veneto Strade ad Anas. Nelle prossime settimane saranno quindi coinvolti tutti gli amministratori locali, per sollecitare – in collaborazione con i Comuni di Lamon e Sovramonte – l’urgente realizzazione della galleria “Pala Rossa” lungo lo Schenèr, già progettata e in attesa di appalto. Opera molto attesa dalle comunità del Primiero e del vicino Bellunese.

 

  • In breve

Scuola, in Comunità il saluto al nuovo dirigente Motter

Università Terza età e del Tempo disponibile, iscrizioni fino al 4 ottobre

Salute e benessere in famiglia: autunno ricco di iniziative e incontri

Premio Luigi Negrelli, il 23 novembre inaugurazione del nuovo giardino

Dal Vanoi a Venezia, al via lunedì 30 settembre un cammino, diviso in tappe, che ripercorre l’antica via della fluitazione del legname (LE TAPPE)

Primiero, da ottobre Corsi di lingua italiana e test per stranieri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *