Verona capitale della salute respiratoria

Share Button

Il Palaexpo ospita il XLII Congresso Nazionale AIPO

aipo

Verona – “Clinica, Ricerca, Organizzazione: la centralità della persona in Pneumologia”: questo il tema del 42mo Congresso Nazionale AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri), ospitato per la prima volta in riva all’Adige, che ha preso il via oggi in Fiera.

Oltre 1500 i congressisti, tra i quali i più importanti esperti della pneumologia italiana e mondiale, presenti al Palaexpo di VeronaFiere fino a sabato 30 novembre per fare il punto sui risultati raggiunti nella ricerca, nella cura e nella prevenzione delle malattie respiratorie. Più di 300 saranno invece relatori e moderatori di livello nazionale ed internazionale, che animeranno le 100 sessioni in cui è articolato il congresso. L’organizzazione è curata dallo staff Aipo Ricerche, composto da una ventina di persone, affiancato da 40 hostess.

Una cinquantina infine gli espositori tra aziende farmaceutiche e produttori di attrezzature elettromedicali, insieme ad alcune associazione ed editori scientifici. «I numeri parlano da soli – commenta Andrea Rossi, presidente di Aipo e direttore della Pneumologia dell’AOUI di Verona – e sono particolarmente fiero del fatto che la mia città possa ospitare un evento scientifico così importante che genera anche un indotto economico a favore della città».

Non va dimenticato che le malattie respiratorie costituiscono la terza causa di mortalità in Italia, dopo malattie cardiovascolari e tumori: secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, le morti dovute sono circa il 7%, pari a circa 40mila decessi l’anno, e colpiscono con una frequenza simile uomini e donne.

«Il nostro obiettivo – conclude Andrea Rossi – è anche quello di diffondere nell’opinione pubblica il messaggio che l’adozione di un corretto stile di vita può dimezzare le patologie respiratorie. Smettere di fumare, avere un’alimentazione equilibrata e svolgere attività fisica regolare sono i principi da seguire per prevenire le malattie cardiovascolari, respiratorie, ma anche i tumori».

Nella provincia di Verona le persone affette da patologie respiratorie sono circa 90mila che salgono a 483mila nella regione Veneto.

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.