Primo Piano NordEst Valsugana Tesino Belluno

Vaccini, Scoppia ancora la polemica. Salvini: “10 vaccini obbligatori sono inutili”, Di Maio: “Opinione sua”

Share Button

Sui vaccini si riaccende il dibattito politico dopo le uscite di Salvini

NordEst (Adnkronos) – “Ritengo che 10 vaccini obbligatori sono inutili e in parecchi casi dannosi e pericolosi”. Lo ha detto Matteo Salvini, ministro dell’Interno, nel suo intervento telefonico questa mattina a Radio Studio 54. “Sui vaccini – ha aggiunto – garantisco l’impegno già preso in campagna elettorale di permettere a tutti i bimbi di entrare in classe. Ma siamo in due al governo, c’è un’alleanza con il M5S e sto ragionando con il ministro della Salute Grillo”.

DI MAIO FRENA – Commentando le dichiarazioni di Salvini, il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio ha spiegato: “Il contratto parla chiarissimo: noi vogliamo rivedere il decreto Lorenzin ma nel senso semplicemente di poter assicurare comunque una tutela vaccinale alle persone e soprattutto ai bambini. Poi – ha aggiunto – ognuno ha la sua opinione sui vaccini. Voi conoscete la nostra”.

LA POLEMICA CON BURIONI – L’intervento di Salvini ha sollevato una coda di polemiche.Fra chi ne ha commentato le parole, anche il medico e divulgatore scientifico Roberto Burioni, che ha risposto al ministro con un tweet poi ripreso dall’ex premier Renzi: “No, ministro Salvini. Dieci vaccini – ha scritto Burioni – non sono inutili e tantomeno dannosi, anzi proteggono anche lei, i suoi figli e i suoi elettori. Questa è una bugia pericolosissima; se la dice chi ha la responsabilità della sicurezza del mio paese è cosa molto preoccupante. Quelli che riporto io – ha sottolineato – sono fatti, suffragati da dati scientifici solidissimi”.

A stretto giro è arrivata la replica di Salvini. “Io ho vaccinato i miei figli – ha spiegato -. Alcuni vaccini salvano la vita, dieci vaccini per alcuni bambini sono inutili ed alcuni pericolosi; quindi non sono un ‘No Vax’ e ci sono tante reazioni avverse documentate. Burioni si confronti con altri colleghi medici che pensano l’esatto contrario suo”, ha dichiarato. “Io ritengo che la salute dei bambini spetti alla mamma ed al papà – ha aggiunto Salvini – e quindi alcuni vaccini sono fondamentali; troppi vaccini rischiano di far male. Nessun bambino può essere escluso dalla scuola e dall’asilo. Su questo c’è un programma nella Lega, questo c’è nel contratto di governo“. “Poi tra professori si confrontino per carità di Dio. Io i miei figli li ho vaccinati – ha concluso Salvini – grazie a Dio va tutto bene. Dal morbillo ci si deve salvare, altri vaccini mi sembrano assolutamente superflui”.

INTERVIENE IL MINISTRO DELLA SALUTE – Il ministro della Salute Giulia Grillo ha chiarito: “Prenderemo le decisioni opportune in accordo con gli alleati di governo, ma chiaramente si tratta di un tema che deve essere discusso anzitutto dal ministero della Salute“. “Voglio ribadire ancora una volta – ha proseguito il ministro – e non mi stancherò mai di ripeterlo, che i vaccini sono un fondamentale strumento di prevenzione sanitaria primaria. E che in discussione a livello politico sono solo le modalità migliori attraverso le quali proporli alla popolazione”.

“Stiamo lavorando – ha spiegato – per trovare la soluzione migliore capace da una parte di garantire la frequenza dei bambini negli asili nido e che dall’altra parte metta al centro del dibattito parlamentare la revisione dell’impianto del decreto legge Lorenzin”. “Ci fa piacere – ha aggiunto – che il ministro degli Interni si interessi di un tema così importante, così come il ministro dell’Istruzione. Voglio solo precisare che l’obbligatorietà è un argomento politico, che ha a che fare con una strategia di tipo politico. Ma le valutazioni di tipo scientifico – ha concluso – non competono alla politica”.

LA POSIZIONE DELL’ISS – Interviene anche l’Istituto superiore di sanità. “Nel caso in cui si fermassero i programmi vaccinali, le malattie prevenibili con i vaccini tornerebbero“, sottolinea, riprendendo in una nota le affermazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità. “Anche se un’igiene migliore, il lavaggio delle mani e l’acqua pulita contribuiscono a proteggere dalle malattie infettive, queste malattie – ricorda l’Istituto presieduto da Walter Ricciardi – si possono diffondere indipendentemente dal livello di igiene. Se le persone non si vaccinassero, in breve tempo – avverte – comparirebbero di nuovo malattie diventate poco frequenti, come la difterite, la pertosse, il morbillo, la parotite”.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *