Primo Piano Tisane&Pensieri

Per tanti il periodo natalizio porta con sé un grande malessere e non perché la fine di un altro anno si avvicina

Share Button

È un malessere che arriva da lontano e nella religione stenta a trovare risposta. Perché la religione al servizio della logica personale non religa niente e restiamo mancanti, ignari di quello spazio integro dentro di noi che pure c’è.

Alcuni, pochissimi, ci arrivano per “illuminazione”; la maggior parte ne fa esperienza attraverso un lavoro profondo di conoscenza e accettazione di sé, un cammino con le sue irte salite e discese agli inferi, ma anche momenti di passi di pianura.

Basta entrarci una volta in questo centro interiore per provare un naturale senso di connessione con il mondo, la sensazione di essere nel flusso della Vita, di non remare contro, di starci bene.

Uno spazio religioso dove la fiducia arriva spontanea. E se questo tipo di esperienza è inevitabilmente di breve durata, quello che resta è sapere che questo spazio rigenerante è a disposizione dentro di noi e possiamo tornarci in qualunque momento.

Per restare in tema e accompagnare una tisana profumata ai frutti di bosco vi propongo la lettura di Erri De Luca “In nome della madre”, Feltrinelli, 2006. Il racconto dell’attesa di Miriàm, la sua relazione con Iosef, la prima notte con il suo Ieshu tra le braccia. Una settantina di pagine di altissima poesia: “In nome della madre s’inaugura la vita”.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *