Il Vanoi abbraccia il nuovo ‘cittadino onorario’ Paolo Cavagnoli (VIDEO)

Share Button

Sala assembleare del Comune gremita lunedì mattina per la toccante cerimonia di consegna della cittadinanza onoraria di Canal San Bovo a Paolo Cavagnoli

La cerimonia in Comune con la lettura delle motivazioni

Canal San Bovo (Trento) – Un folto pubblico ha accolto lunedì mattina Paolo Cavagnoli, in occasione della cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria di Canal San Bovo.

Nato a Bolzano il 9 marzo 1937 e residente a Trento, Paolo Cavagnoli è stato Direttore generale della Provincia Autonoma di Trento e primo assistente sociale della Provincia; fondatore e per quarant’anni Presidente dellAssociazione Provinciale per i Minori Onlus di cui oggi è Past President; ha ricoperto, per molti anni, significativi ruoli nella vita politica provinciale.

E’ stato inoltre direttore della tv RTTR e riveste vari ed importanti incarichi in associazioni di volontariato, seguendo con passione e dedizione complesse situazioni anche nei territori di Primiero e Vanoi.

Nel Vanoi per l’alluvione 1966

Cavgnoli, venne inviato nel Vanoi dal presidente della provincia di Trento, per portare aiuto alle popolazioni colpite dalla tragica alluvione di novembre 1966. Da quel momento il suo legame con la valle è diventato sempre più intenso, fino ad oggi.

Le motivazioni del riconoscimento

“Testimonianza  – spiega il sindaco di Canal San Bovo, Albert Rattin nelle motivazioni – di una vita ispirata ai fondamentali valori umani della solidarietà, dell’amore e dell’aiuto del prossimo, specialmente dei più deboli e bisognosi. Oltre che di una decisa passione civica e politica.

Paolo Cavagnoli, Ha sempre dichiarato e dimostrato, con estrema sincerità, assiduo attaccamento a questo Comune dove si è fatto apprezzare per la sensibilità e la costanza con cui ha seguito negli anni numerose problematiche, non solo sociali o assistenziali ma anche intervenendo in vari rapporti istituzionali; ha saputo instaurare e sviluppare, quindi, intensi e proficui rapporti con l’intera Comunità di Canal San Bovo”.

Facebook Comments

Share Button

You must be logged in to post a comment Login