Meteo, in Trentino il maggio più freddo dal 1991

Share Button

Maggio, il più freddo degli ultimi trent’anni

 

Trento – Maggio 2019 è risultato più piovoso e molto più freddo della media. Il mese è infatti stato caratterizzato da instabilità con frequenti precipitazioni e frequenti afflussi di aria fredda, in particolare nei giorni 4 e 5 con precipitazioni nevose anche a bassa quota, localmente fino a circa 500 m. Quanto alle temperature, quella media mensile è stata di 14,5 °C.

Un maggio così freddo – certifica MeteoTrentino – non si registrava dal 1991: la temperatura massima del mese di 25,6 °C è stata toccata il 24 maggio, mentre la minima assoluta è stata di 3,4 °C, registrata il giorno 5.

Infine il dato sulle precipitazioni, anch’esse risultate superiori alla media: a Trento Laste si sono misurati 137,2 mm a fronte di una media storica di 96,1 mm. I giorni con precipitazione maggiore di 1 mm sono stati ben 15, a fronte di una media di 10.

Da MeteoTrentino arriva però anche un altro, interessante, studio relativo questa volta ai fulmini e saette. Nel Report, che si apre ricordando come i fulmini siano il secondo fenomeno meteorologico più letale per la vita umana, secondo solo alle alluvioni, si spiega, accanto a notizie storiche, cosa sono i fulmini e come si può prevedere un temporale, cos’è il tuono e le regole da seguire in presenza di temporali, infine una documentata sezione sulla climatologia dei fulmini in Trentino.

  • In breve

Ultraleggero ‘s.t.o.l.’ realizzato dagli studenti del Martini.  Inaugurazione all’aeroporto Caproni di Mattarello del ‘Savannah S’, il velivolo realizzato dagli studenti dell’Istituto Martino Martini di Mezzolombardo, consegnato per i collaudi e per il successivo utilizzo alla Scuola di Volo dell’aeroporto.

Il futuro dei giovani passa anche dalla formazione aeronautica. E’ stato inoltre firmato un accordo per dare avvio ad un percorso di alta formazione professionale di tecnico superiore che servirà al rilascio del titolo abilitante alla funzione di tecnico manutentore di elicotteri a turbina (per le categorie B1.3) e di sistemi avionici (categoria B2).  Il progetto che ha portato alla realizzazione del ‘Savannah S’, realizzato dall’azienda italiana ICP e acquistato in kit di montaggio grazie anche al contributo della Provincia, ha preso le mosse nel 2017, impegnando studenti e docenti dei corsi in Tecnico della conduzione del mezzo aereo, logistica e trasporti dell’Istituto Martini.

Meno burocrazia per vigili del fuoco volontari

Fondo sanitario nazionale: raggiunta l’intesa nella Conferenza Stato-Regioni

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.