Meningite, migliora studentessa ricoverata all’ospedale Sant’Antonio di Padova

Share Button

Dimessa da terapia intensiva, profilassi per 400 persone

NordEst – Sono in miglioramento le condizioni della ragazza di 19 anni, residente a Lagnasco (Cuneo), studentessa dell’Università di Padova, ricoverata all’ospedale Sant’Antonio del capoluogo euganeo dopo essere stata colpita da Meningite da Meningococco.

In giornata – informa l’Azienda Ulss 6 Euganea – verrà dimessa dalla Terapia Intensiva e sarà trasferita in reparto. Tra martedì e mercoledì, circa 400 persone hanno chiesto e ottenuto dal Servizio di Igiene e Sanità pubblica dell’Ulss di essere sottoposte a profilassi.

Ad altre 600 il Servizio ha fornito informazioni telefoniche. Coloro che sono entrati in contatto con la ragazza nelle aule studio universitarie non sono considerati ‘contatti stretti’ e non necessitano di profilassi; si è comunque ritenuto opportuno informare l’utenza per una sorveglianza sanitaria, come previsto dalle linee guida ministeriali. Nelle aule studio, non essendo possibile rintracciare tutte le persone che le hanno frequentate, sono stati esposti cartelli informativi.

  • In breve

Cavo evitato all’ultimo: elisoccorso bellunese rischia l’incidente per teleferica non segnalata – E’ successo nei giorni scorsi nel Bellunese. Il cavo è stato evitato per un soffio grazie alla prontezza dell’equipaggio, durante le ricerche di un uomo disperso da giorni. La teleferica non segnalata, fortunatamente è stata solo sfiorata all’ultimo momento, evitando un grave incidente in volo, come era già accaduto nel 2009 con la tragedia dell’elicottero Falco. In quella drammatica giornata, morirono tutti e quattro i componenti dell’equipaggio.

 

Muore strangolato, sospetti su gioco web – E’ morto all’ospedale di Vicenza un ragazzino di 11 anni che nella serata di Capodanno era stato trovato esanime, con una sciarpa stretta attorno al collo nel soggiorno della sua casa, a San Pietro Mussolino (Vicenza), nella vallata del Chiampo.

Alimenti scaduti – I carabinieri di Chioggia (Venezia) hanno sequestrato 60 chilogrammi di alimenti scaduti durante un controllo al centro cottura della società che si occupa della preparazione dei cibi destinati alle mense scolastiche

 

 

 

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.