Primo Piano Trentino Alto Adige Valsugana Tesino

I quotidiani Trentino e Alto Adige passano da Espresso ad Athesia

Share Button

​ Il Gruppo Espresso comunica in una nota che è stato raggiunto l’accordo per la cessione, da parte di Finegil, dell’intera partecipazione, pari al 71%, nella Seta SpA, editrice di “Alto Adige” e “Trentino”, alla Athesia SpA, facente parte del gruppo che controlla il quotidiano “Dolomiten”

Bolzano – L’operazione, come avvenuto per “Il Centro” e “La Città di Salerno”, si inserisce nel piano di deconsolidamento teso a garantire il rispetto delle soglie di tiratura previste dalla normativa in vigore, nella prospettiva della futura integrazione con la Stampa ed Il Secolo XIX.

Il Gruppo Espresso ringrazia tutto il personale dell’editrice Seta per l’importante lavoro svolto in questi anni e gli augura nuovi successi, secondo la miglior tradizione delle due prestigiose testate.

La nota di Athesia

Anche l’Athesia Spa ha confermato l’operazione e in una nota ha aggiunto che “i quotidiani “Dolomiten” e “Alto Adige” editi da Athesia e dalla S.E.T.A. sono nati dalla resistenza nazi-fascista nel mese di maggio e giugno dell’anno 1945 dopo la Seconda Guerra Mondiale con licenza degli Alleati e hanno quindi radici comuni.

L’ Athesia si rallegra che i giornali “Alto Adige” e “Trentino”, che vantano una lunga tradizione, siano per il 71% diventati parte del gruppo Athesia. L’Athesia – continua la nota – rispetta l’orientamento positivo dell”Alto Adige” e del “Trentino” per quanto riguarda l’autonomia e si augura che questa linea editoriale continui anche in futuro.

L’Athesia si adopererà affinché gli organi decisionali della S.E.T.A. garantiscano la continuità con la linea del recente passato, assicurando stabilità all’impresa ed ai due quotidiani.

Athesia – conlcude la nota – pubblica da molti anni un numero rilevante di libri e periodici in lingua italiana. Oltre alle tradizionali attività in Alto Adige e nel Tirolo il gruppo Athesia gestisce attività e filiali a Trento, Milano, Trieste, Catania, nonché varie attività nel Veneto, in Emilia Romagna ed in Puglia”.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *