NordEst

Garda, un gruppo di lavoro per i problemi idrici

Share Button

Gli obiettivi del gruppo di lavoro, sono principalmente quelli di affrontare i problemi di regolazione dei livelli del Lago di Garda e arrivare a formulare una proposta sovraregionale.

Si tratta in particolare di interventi finalizzata alla soluzione dei problemi strutturali per situazioni di siccità del lago stesso. Nel corso dell'incontro, si è convenuto sull'opportunità di far proseguire l'attività del gruppo anche dopo la fase di  emergenza attraverso la sottoscrizione di un'intesa tra tutte le amministrazioni presenti.

I lavori hanno evidenziato la necessità di un'intesa fattiva che detti le strategie e che abbia alle spalle un ‘operatività in grado di dare risposte concrete, fino al Delta del Po. Questo programma verrà presentato al CIPE per ottenere i finanziamenti nell'ambito della Legge Obiettivo. In questa logica, l'Autorità di Bacino dell'Adige e la Regione del Veneto hanno presentato uno studio di fattibilità, il cui obiettivo è quello di utilizzare le aree di cava a sud del lago di Garda per l'accumulo di risorse idriche da destinare agli usi irrigui e facilitare così una migliore gestione dei livelli del lago.

Due progetti analoghi, sono stati già predisposti dalla Regione del Veneto per quanto riguarda i bacini dei fiumi Adige e Piave, con una previsione di accumulo complessiva di circa 100 milioni di metri cubi. Non ci sarà invece, il paventato utilizzo della galleria Mori-Torbole di collegamento del fiume Adige con il lago di Garda, ma questa entrerà in funzione solo ed esclusivamente per scongiurare possibili allagamenti in provincia di Verona.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *