Arrestati a Belluno spacciatori richiedenti asilo

Share Button

Operazione della Polizia

Belluno – Tre stranieri richiedenti asilo sono stati arrestati dalla Polizia a Belluno perchè accusati di aver creato una frequentata piazza di spaccio di droga a ridosso del centro della cittadina. I tre erano ospiti di una comunità di accoglienza. L’operazione, coordinata dal servizio centrale operativo e dalla direzione servizi antidroga, è stata condotta dalla squadra mobile di Belluno.

 

  • In breve

Nuovi inquinanti ritrovati nel fiume Po.  Si allarga il problema dei Pfas in Italia. L’inquinante, in una categoria di nuova generazione, la c6o4, è stato trovato dall’agenzia Arpav nel fiume Po, quindi la contestata Miteni, l’azienda (ora fallita) di Trissino dalla quale era nato il caso in Veneto stavolta non c’entra. Il governatore Luca Zaia rilancia la palla al Governo. La questione è nazionale, dice il governatore, non può essere racchiusa alle province di Vicenza, Verona e Padova. Il Veneto sta predisponendo una segnalazione alle Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte. Non essendovi limiti europei e nazionali, per motivi precauzionali il gestore della rete idropotabile ‘Acque Venete’ ha già ordinato nuove batterie di filtri. Intanto l’ultimo rapporto con i dati dello screening avviato nella popolazione delle zone coinvolte conferma che concentrazioni di Pfas sono state riscontrate anche nei bambini, seppur in misura inferiore ai soggetti adulti.

Jesolo, stop a Pasqua alcolica. Divertimento sì, sballo no: è la linea alla base del provvedimento emesso dal Comune di Jesolo che interesserà il periodo delle festività pasquali allo scopo di contrastare il divertimento attraverso l’abuso di alcol e tutelare tranquillità e sicurezza di cittadini e ospiti della località balneare veneziana. L’ordinanza coinvolge tutto il territorio del Lido di Jesolo, arenile compreso, e prevede il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche di qualunque gradazione, effettuata anche attraverso distributori automatici dalle ore 22 di sabato 20 aprile e fino alle ore 24 di lunedì 22. Rimane consentita la vendita per asporto solo di bevande alcoliche per uso domestico che dovranno essere chiuse in appositi involucri. In caso di violazione dell’ordinanza, oltre all’accertamento di eventuali responsabilità penali, è prevista una sanzione amministrativa di 200 euro.

Venezia: Calatrava, ‘ovovia non è mia’. L’ovovia a fianco del Ponte della Costituzione, a Venezia, non è stata progettata dall’architetto Santiago Calatrava, a cui si deve invece il quarto ponte di vetro sul Canal Grande. E l’archistar, a suo tempo, si era opposto alla costruzione dell’ovovia. Lo precisa lo stesso Calatrava, in relazione alla notizia che la Corte dei Conti nei giorni scorsi ha notificato al sindaco di Venezia Luigi Brugnaro il decreto di archiviazione del procedimento per presunto danno erariale relativo all’installazione dell’ovovia per portatori di handicap sul ponte, dando così un ‘nulla osta tecnico’ per la sua rimozione. Calatrava – sottolineano i suoi legali Pierluigi Piselli e Ugo Altomare – “non solo non ha progettato l’ovovia, ma si è a suo tempo opposto alla sua realizzazione. Inoltre, e di conseguenza, egli non è stato in nessun modo coinvolto nel procedimento contabile appena archiviato dalla Corte dei Conti”. L’ovovia era stata inaugurata nel novembre 2013, oltre cinque anni dopo l’apertura del ponte della Costituzione che collega piazzale Roma alla stazione ferroviaria di Santa Lucia. Oltre alle difficoltà tecniche e ai guasti, la sua realizzazione era costata oltre due milioni di euro, ragione che aveva portato all’indagine della magistratura contabile. Il costo per smontarla è già stato stimato in circa 40mila euro. Per il trasporto tra piazzale Roma e la stazione, il Comune ha deciso che i disabili potranno usare il vaporetto gratuitamente.

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.