“Amici dell’Africa” Primiero: a settembre apre la scuola di Anyama: sabato 11 agosto tradizionale Pedalata solidale

Share Button

Proseguono i progetti promossi dall’Associazione Amici per l’Africa

Primiero (Trento) – A settembre ad Anyama sarà aperta la nuova scuola realizzata con il contributo dell’Associazione Amici dell’Africa. L’Associazione è stata coinvolta in questo progetto da Suor Luisa Ghidini nel 2016.

L’intervento non si è limitato al sostegno finanziario, ma ha visto anche l’intervento diretto di volontari dell’Associazione.

Nel mese di aprile 2017 due volontari sono stato in Costa D’Avorio per visionare l’avvio dei lavori, effettuare i rilievi tecnici e completare il progetto. Manodopera locale ha quindi provveduto a realizzare le fondazioni della struttura sulle quali, nello mese di gennaio, una squadra di volontari, per tre settimane ha lavorato alla costruzione delle prime tre classi e della palazzina destinata ad ospitare uffici e servizi. Si è quindi affidato la copertura delle strutture ed il suo completamento a maestranze ivoriane. Ora i lavori sono completati, e la scuola può aprire i battenti delle prime tre classi.

Il mercato di Offa

In Costa D’Avorio, l’Associazione ha lavorato anche ad un secondo progetto che prevedeva la realizzazione di una struttura fissa composto da tettoie e qualche magazzino per ospitare il mercato nel villaggio di Offà.

La struttura nasce dalla richiesta di un gruppo di donne del villaggio che vede nel mercato la possibilità di un polo di attrazione economica e sociale per una comunità ancora molto povera ma in costante espansione demografica. Padre Dino Faciotti, missionario Stimmatino ha chiesto la collaborazione dell’Associazione per la realizzazione del progetto.

Anche per questo intervento nel mese di aprile 2017 due volontari sono stati a Offa per visionare l’avvio dei lavori, effettuare i rilievi tecnici e predisporre il progetto. Con il sostegno economico dell’Associazione nell’autunno 2017 si è quindi dato inizio ai lavori, affidando a manodopera locale la realizzazione della parte in calcestruzzo della struttura.

Nello scorso mese di gennaio una seconda squadra di volontari è stata per tre settimane ad Offa provvedendo a realizzare la copertura di una prima parte della struttura, ora già attiva con grande soddisfazione e riconoscenza della comunità del villaggio. Alcuni dei volontari hanno inoltre lavorato alla posa delle piastrelle nella chiesa del villaggio.

Il villaggio di Offa

Progetti futuri

“L’Associazione continuerà a seguire i lavori alla scuola di Anyama – spiega Vigilio Dalla Sega (Amici  per l’Africa) – per rendere operative tutte e sei le classi, inoltre continuerà a seguire il completamento della struttura coperta per il mercato di Offa.

Ma l’Associazione continua a guardare anche verso la Tanzania, sua terra storica, dove un nuovo progetto sta prendendo forma in questi giorni. Suor Pudenziana ha coinvolto gli Amici dell’Africa di Primiero in un intervento di ampliamento del dispensario di “Nane Nane”, un quartiere periferico della città di Morogoro.

L’Associazione, per finanziare i propri progetti e al fine di sensibilizzare e informare la popolazione sulle problematiche del Terzo Mondo e sulla solidarietà internazionale ogni anno organizza varie manifestazioni a livello locale, come la “Pedalata per l’Africa” proposta Sabato 11 agosto.

La manifestazione è organizzata in collaborazione con la locale Cassa rurale e l’Unione sportiva Primiero, ed attraversa tutta la valle di Primiero coinvolgendo locali e turisti. Un grazie di cuore a tutti coloro che sostengono in qualsiasi maniera la nostra Associazione”.

 

Sabato 11 agosto “Pedalando per l’Africa” – L’evento è organizzato dall’Associazione Amici dell’Africa onlus. La partenza come da tradizione è prevista in centro a Fiera in piazza Municipio alle ore 10, con arrivo a Mezzano presso la Caserma dei Vigili del Fuoco di Mezzano. L’evento fa parte delle varie iniziative che l’Associazione promuove sul territorio per finanziare i propri progetti e al fine di sensibilizzare e informare la popolazione sulle problematiche del Terzo Mondo e sulla solidarietà internazionale.

Share Button

Lascia un Commento

Your email address will not be published.